combustibili fireboost energia alternativa exo new energyLa completezza della combustione delle sostanze sopra indicate è confermata dall’assenza di residui, dai bassi valori delle emisisoni, ed dalla misurazione del calore prodotto rispetto aI valore stechiometrico.
E’ possibile pertanto affermare che i limiti del LCV (Potere Calorifico Inferiore) delle sostanze combustibili tollerate dal Fireboost®senza degrado della performance possono scendere sotto i 4 kW/kg, mentre non vi è limite verso l’alto.
Conseguentemente, l’energia termica generata dalle attuali versioni del Fireboost®può variare da meno di 500 kWth fino ad oltre 6 MWth ( ¦6,000 kWth) a seconda della natura del combustibile, senza pregiudicare efficienza e qualità del processo di combustione, e dunque senza impatto sui valori di potenza specifica, emissioni, e residui.

A seconda del combustibile, infatti, la turn down ratio (ossia il rapporto tra potenza massima e potenza minima) del Fireboost®in processo sostenuto dall’aria ambiente come unico comburente, si allarga sia verso l’alto come anche verso il basso allargando corrispondentemente la banda delle potenziali applicazioni di uno stesso identico modello di reattore senza richiedere modifiche o sostituzioni allo stesso; in altre parole, la turn down ratio può variare durante l’esercizio senza soluzione di continuità al variare del combustibile.

Ovviamente, il comburente utilizzato può essere diverso dall’aria ambiente (ad es. Ossigeno puro).
In termini di massima si può affermare che la turn down ratio del Fireboost®con aria ambiente come comburente è il seguente:

Le caratteristiche del Fireboost® sopra illustrate sono il risultato di una lunga, attenta valutazione degli aspetti di fluidodinamica e termodinamica, di uno sviluppo caratterizzato da iterazioni recursive tra analisi virtuale e verifica reale, e dalla scelta mirata dei materiali.

Due maggiori istituti negli USA, ossia il Politecnico MIT a Cambridge - Massachussetts e l’EERC (Centro di Ricerca sull’Energia ed Ambiente operante come Agenzia del Ministero Federale per l’Energia) a Grand Forks -North Dakota confermano che “... il reattore Fireboost® offre un’eccellente opportunità ad operare con un apparecchio semplice e di alto rendimento con un’intera banda di combustibili di bassa qualità, inclusi oli esausti, biomassa solida, e gas di scarto”.